x
x
logo Vanesia Mag
Logo Beauty Advisor
Wellness 12/02/2015
http://www.vanesia.it/magazine/Wellness/bagno-turco-hammam-storia-e-benefici_90_a2.html Bagno turco: benessere, bellezza e socializzazione. Scopri di più.

Bagno turco: benessere, bellezza e socializzazione. Scopri di più.

La tradizione del bagno turco è molto antica ed era popolare già ai tempi degli egizi, dei greci e dei romani. Ti raccontiamo la sua storia, in cosa consiste, perché fa bene alla pelle e della sua azione anti-stress.

 

La storia
Tracce storiche si trovano in documenti egizi e greci. Furono però i romani, con le loro terme, a farne una vera e propria arte e momento di socializzazione. Nelle terme romane prevedeva un ciclo fra stanze con temperatura diversa: il tepidarium, il calidarium e per ultimo il laconicum, la stanza finale più calda, con una temperatura molto alta. Dopo la detersione c'era un massaggio. Gli antichi lo consideravano benefico sia per il corpo, sia per lo spirito. Alla caduta dell'impero romano, furono gli arabi a riprendere la tradizione, accorciando il numero delle stanze e allestendo ambienti più piccoli. Il nome di queste strutture è "hammam" (scaldare).

In cosa consiste
Trattamento che si svolge al chiuso ad alta umidità (dal 90 al 100%). La temperatura interna va dai 40°C ai 60°C, aumentando dal basso verso l'alto. Nonostante la sudorazione sia meno intensa di quella ottenuta nella sauna (ambiente molto caldo ma secco), il tempo di ogni seduta è più lungo e questo spesso si risolve in una sudorazione finale superiore. Di solito ci sono due tempi: la prima fase prevede la sosta (circa 15 minuti) in una stanza colma di vapore acqueo caldo. Successivamente ci si immerge in una vasca di acqua fredda (oppure doccia). Il percorso si può ripetere. Ad ogni fine percorso è previsto un momento di relax di almeno 20 minuti e se lo si desidera un massaggio finale.

I benefici
Il bagno turco favorisce la circolazione, grazie al calore che dilata i vasi sanguigni. L'umidità, sviluppata nel bagno turco è superiore alla quantità di acqua presente sulla pelle, posandosi sull'epidermide aumenta il calore corporeo provocando l'apertura dei pori e l'aumento della sudorazione. L'epidermide elimina le tossine attraverso il sudore, favorendo il rinnovamento delle cellule. In questo modo la pelle è più luminosa, morbida ed elastica. Per eliminare le cellule morte dalla pelle, viene spesso impiegato il guanto di crine. Il bagno turco, riduce anche lo stress e dona una profonda sensazione di rilassamento e benessere.

Avvertenze e controindicazioni

  • È sconsigliato il bagno turco in presenza di disturbi circolatori, cardiaci, malattie veneree e della pelle.
  • La consultazione con il proprio medico, in caso di dubbio, è sempre una buona regola.
  • La resistenza al calore varia da individuo ad individuo, per questo bisogna fare attenzione ai segnali che il corpo invia: se iniziano a battere le tempie, bisogna uscire subito dal bagno turco e fare una doccia fredda. Dopo la pausa si può provare a ripetere il percorso.
  • Prima di fare il bagno turco, non si deve mangiare, occorre far passare almeno un'ora dall'ultimo pasto.
  • È consigliato stare sdraiati durante la seduta.
  • È necessario bere molta acqua o tisane o succhi di frutta, per reintegrare i liquidi persi durante la sudorazione.


Molti centri benessere, day spa, palestre e centri estetici, oggi dispongono di un bagno turco. Prova a consultare VAdvisor, il motore di ricerca del benessere e della bellezza di Vanesia, per trovare la struttura più vicina a te. Una volta provato il servizio, scrivi una recensione alla struttura per dare il tuo consiglio alla community di Vanesia.

 

Di Katia Anna Calabrò per Vanesia.it

Condividi articolo su
TAG: beauty special curiosità benessere
African Safari
Framesi Morphosis
ORLY
African Safari
Framesi Morphosis
ORLY
I PROFUMI DELL’ESTATE
Copyright © 2019 Vanesia - Tutti i diritti riservati | P.IVA: 02311420224